La band australiana Luca Brasi celebra la squadra di basket JackJumpers della Tasmania con l’inno “Jackies Are On The March”

Dopo l’album “Everything Is Tenuous” di inizio 2021, i Luca Brasi tornano con un brano nato per celebrare l’inclusione dei Tasmania JackJumpers nella stagione 2021-22 della National Basketball League (NBL). La canzone contiene tutti gli ingredienti tipici dei Luca Brasi, splendidi riff di chitarra, un hook vivace e una batteria incisiva. Un po’ di pepe in più arriva dal gruppo che canta “MARCH!”, mentre alcune sfumature pop-punk ricordano i Green Day degli anni 2000. I Luca Brasi suoneranno al festival Full Tilt di Adelaide, Sydney e Melbourne il prossimo anno. Le date erano inizialmente programmate per il loro tour di lancio dell’album ad agosto, ma sono state rimandate a causa delle restrizioni dovute allo scoppio invernale del COVID-19. L’attuale formazione della band comprende Thomas Busby alla chitarra solista, Danny Flood alla batteria, Patrick Marshall alla chitarra ritmica e voce e Tyler Richardson alla voce solista e basso elettrico. Presente nella playlist “Doubleslider Dec2021” su Spotify.

Softcult: “Perfect Blue” è il quarto singolo dal loro prossimo EP

Le sorelle gemelle Mercedes Arn-Horn (voce/chitarra) e Phoenix Arn-Horn (voce/batteria) sono rapidamente diventate la band che ha ispirato un nuovo movimento Riot Grrrl per l’era digitale. Uno spiccato impegno a favore di femminismo, attivismo sociale, libertà creativa, auto-potenziamento, neutralità di genere e una costante lotta a sessismo, razzismo, omofobia, transfobia e patriarcato, sono gli ingredienti che le fanno amare dal pubblico e dalla critica. Allo stesso tempo attirano su di loro anche critiche negative, che rischiano di mettere in dubbio il loro valore creativo. Il loro nuovo singolo e video “Perfect Blue” è il quarto assaggio dal prossimo EP “Year of the Snake”, il seguito di “Year of the Rat”, che ha rapidamente portato il duo canadese sotto i riflettori, raggiungendo oltre 1,25 milioni di stream su Spotify dalla sua uscita nell’aprile 2021. “Abbiamo scritto “Perfect Blue” in un periodo della nostra vita in cui sentivamo che nulla era sotto il nostro controllo”, spiega Mercedes. “Nel nostro progetto precedente, abbiamo firmato con un’etichetta che ci ha messo a dura prova sul piano creativo e non ci ha permesso di esprimerci in modo autentico. Non erano interessati alla musica che stavamo creando in quel momento, quindi ci siamo ossessionate nel tentativo di compiacerli e di pubblicare qualsiasi cosa ci chiedessero”. “Sembrava che stessimo recitando un ruolo con il solo scopo di sopravvivere”, aggiunge Phoenix. “Sentivamo che la nostra arte non ci stava rappresentando. C’era molto che volevamo dire, ma veniva soffocato. Ci siamo sentite come se avessimo perso la nostra integrità. Questa canzone è un promemoria: difendi ciò in cui credi, o rischi di smarrirti completamente”. Presente nella playlist “Doubleslider Nov2021” su Spotify.

“Doubleslider Dec2021” – What’s coming up on my sliders. La prima playlist di dicembre

Da 45 anni a questa parte, arriva dicembre e vedo le case discografiche sfornare (legittimamente) una tonnella di singoli rock a tema natalizio: heavy rotation sulle radio rock di tutto il mondo, vendite, streaming, like in abbondanza. Sono sincero, ragazzi, non ce la faccio, è più forte di me. Vedere e ascoltare gente tatuata e borchiata che mostra il dito medio a ogni pié sospinto, chitarre roventi e batterie picchiate che si cimentano in “Merry Christmas” o “Santa Claus Is Rocking”, mi lascia completamente indifferente. Questa settimana, dopo essermi passato circa 150 singoli, ne ho scelti solo 23. Coerentemente con questa premessa, magari destabilizzante per alcuni, ecco le mie proposte graffianti della settimana: Luca Brasi, Slash & Myles Kennedy And The Conspirators, Kris Barras Band, John Ramsay & Chad Kroeger, Volbeat, Texas King, Webbed Wing, Mick Clarke, J.D. Simo, Tears For Fears, Naked Gypsy Queens, The Mysterines, Three Days Grace, Adelitas Way, White Lies, Gustaf & Beck, The Linda Lindas, You Said Strange, Danny Ocean, You Monster You, A Will Away, Wakelin, Unprocessed. “Doubleslider Dec2021” su Spotify. Enjoy.

E’ tornato Sting con l’album “The Bridge”

Sting torna a far parlare la musica, relegando in un angolo le polemiche che lo hanno visto protagonista sui giornali a proposito della sua tenuta in Toscana. Lo scorso 19 novembre è finalmente uscito il suo ultimo album “The Bridge”, già anticipato dal brano “If It’s Love”. Il disco è stato scritto durante la pandemia e consegna uno Sting impegnato a riflettere sulla perdita personale, la separazione, l’interruzione, il confinamento e uno straordinario tumulto sociale e politico. “The Bridge” esplora una moltitudine di temi e rappresenta il ponte tra idee, culture, continenti, tra due argini di un fiume. Sting rivive i diversi momenti della sua lunga carriera, fasi rock’n’roll, jazz, ispirazioni alla musica classica e al folk. “The Bridge” è un disco eclettico: c’è il pop-rock di “Rushing Water”, l’indie-pop di “If It’s Love”, c’è spazio per una ballata elettronica con “Loving You”, e nella versione deluxe anche la rivisitazione di un grande classico come “(Sittin’ On) The Dock of the Bay”, una del perle eterne di Otis Redding. Presente nella playlist “Doubleslider Nov2021” su Spotify.

Webbed Wing. Il nuovo singolo da “What’s So Fucking Funny?” è “Shed A Tear”

Con base operativa a Philadelphia e dopo una carriera di tutto rispetto con il gruppo rock Superheaven, il cantante e chitarrista Taylor Madison si è avventurato nel mondo dei cantautori, dando vita nel 2018 ai Webbed Wing. Insieme a Jake Clarke (batteria) e Mike Paulshock (basso), la band realizza pienamente una propria musicalità mescolando diversi generi. Qualche palato raffinato ha definito il loro progetto musicale un troppo “semplice”, ma il loro songwriting affronta tematiche complesse e intime senza stroncare l’atmosfera, con un panorama sonoro carico di nostalgia e un’impennata pop-rock raffinata. Prendendo spunto da artisti del calibro di The Lemonheads e Teenage Fanclub, i Webbed Wing intrecciano sapientemente la pesantezza del metal e la serietà del country: fondono tutti questi diversi aspetti della loro arte in qualcosa di altamente appetibile e nuovo. Dopo “Bike Ride Across the Moon” del 2019, l’ultimo lavoro dei Webbed Wing “What’s So Fucking Funny?” evidenzia un aumento di livello nella produzione, avvicinandosi ad una maturità creativa. Presente nella playlist “Doubleslider Nov2021” su Spotify.

Fantastic Negrito: il nuovo singolo è “When Everything Went Wrong”

Foto di Bruce Baker Photography presente su Wikipedia

l nuovo singolo di Fantastic Negrito fa parte della colonna sonora di Arcane (League Of Legends), la serie di culto già disponibile su Netflix, arricchita da musica di altissimo livello (Imagine Dragons, Sting & Ray Chen, solo per citare un paio di nomi). Ma Fantastic Negrito è molto di più e lo si scopre direttamente sul suo sito. E’ l’incarnazione di un musicista che è rinato dopo aver attraversato un sacco di cose terribili. In effetti, il nome Fantastic Negrito rappresenta la sua terza rinascita, stavolta letteralmente di ritorno dalla morte. Le sue sono canzoni nate da una vita lunga e dura incanalata attraverso la musica delle radici nere. Chitarra slide, batteria, pianoforte. Fantastic Negrito è la storia di un uomo che ha lottato per “farcela”, che ha perso tutto e in qualche modo è riuscito a ritrovare la strada. Canzoni singolari di un vero musicista che scrive e produce il proprio lavoro. Le sue canzoni sono il suo carburante mentre continua il terzo ritorno della sua vita, in un momento in cui il nostro mondo è in subbuglio. Tralasciando le drammatiche vicissitudini personali che lo hanno portato più di volta ad un passo dalla morte, è importante concentrarci sulla sua musica, soprattutto a partire dal 2016: infatti i suoi tre album “The Last Days of Oakland”, “Please Don’t Be Dead” e “Have You Lost Your Mind Yet” hanno vinto il Grammy Award come miglior album blues contemporaneo rispettivamente nel 2016, nel 2019 e nel 2021, artista capace di vincere 3 volte consecutive il premio in questa categoria. La musica di Negrito ha anche attirato l’attenzione di Chris Cornell, che lo ha invitato a fare un tour con lui, prima in Europa, poi in Nord America e infine con il leggendario supergruppo di Cornell Temple of the Dog. La coppia non convenzionale ha conquistato fan e critica ovunque. Da lì i Negrito hanno continuato a suonare nei maggiori festival in tournée in tutta Europa e Nord America. Presente nella playlist “Doubleslider Nov2021” su Spotify.

The Diasonics presentano “Gradients”, il secondo singolo dal prossimo album “Origin of Forms” [da Record Kicks]

L’album di debutto della band funk moscovita The Diasonics è un mix di funk cinematografico, hip-hop strumentale e psichedelia sovietica. “Gradients” è il secondo singolo tratto da “Origin of Forms”, in uscita il 28 gennaio 2022 in edizione LP, CD e Digital. Lo stile della band russa fonde strumentali deep funk, atmosfere dell’Europa orientale, ritmi hip-hop e psichedelia. I Diasonics sono una delle più interessanti novità della scena funk strumentale russa. La band si è formata nel 2019 ed è composta da cinque giovani musicisti moscoviti di grande talento: Anton Moskvin (batteria), Maxim Brusov (basso), Anton Katyrin (percussioni), Daniil Lutsenko (chitarra elettrica) e Kamil Gzizov (tastiere). In appena un paio d’anni la band ha accumulato un seguito di culto, pubblicando dieci singoli di successo e vari 45 giri in vinile molto richiesti su etichette funk come Funk Night Records e Mocambo Records. Presente nella playlist “Doubleslider Nov2021” su Spotify.

The Darkness: il nuovo estratto dall’album “Motorheart” è “You Don’t Have To Be Crazy About Me…But It Helps”

“Motorheart”, il nuovo e atteso album dei Darkness, è uscito lo scorso 19 novembre, ma si era cominciato a parlarne già dall’estate. Un nome di spicco della scena musicale inglese, con uno stile hard rock anni ’70 che ci riporta a icone come AC/DC, Led Zeppelin, The Queen e Van Halen. The Darkness hanno vinto numerosi premi, tra cui 3 Brit Awards e 2 MTV Music Awards. Il loro precedente album del 2019, “Easter Is Cancelled” ha raggiunto la cima della Official Charts Top 40 Rock ed ha ottenuto numerosi elogi da parte della critica musicale. L’album “Motorheart” era stato anticipato da tre singoli: la title track, “Nobody Can See My Cry” e “Jussy’s Girl”. Ora è il turno di “You Don’t Have To Be Crazy About Me…But It Helps”, grande rock’n’roll, riff potenti, batterie travolgenti e chitarre infuocate. “Motorheart” è stato registrato, prodotto e mixato da Dan Hawkins presso i Gateway Mastering Studios a Portland, Stati Uniti. The Darkness saranno in Italia dal 27 al 29 gennaio 2022 per tre concerti imperdibili: a Milano, Bologna e Padova. Presente nella playlist “Doubleslider Nov2021” su Spotify.

LAUREN ANDERSON, dalla nuova playlist di Paolo Tolu. “Classic Rock… Today!”. Le proposte recenti in arrivo dalle multiformi contaminazioni del rock: hard e prog, psyco e garage, blues e folk… Turn it up!!! Puntata #6. Novembre 2021

Da come LAUREN ANDERSON osserva il bicchiere sulla copertina del suo album (seduta da sola, di notte, in un locale della sua Chicago), sembra che non basti essere giovane e bella per evitare le trappole del blues. È solo al secondo album e la voce non graffia come la carta vetrata di tante nostre vecchie amiche… ma non chiediamo troppo al nostro lato torbido. Dice Lauren: “Di recente ero uscita da una relazione difficile ed ero seduta a bere un bicchiere di whisky. Mi è venuto in mente il concetto di “Love On The Rocks” e improvvisamente il ritornello è sbocciato. L’ho portato a due amici (Sandy Ramos e Laureen Smith), sono poi andata in studio all’ultimo minuto e la canzone ha preso vita all’istante!”